Dati aggiornati, ecco i candidati PD

Siamo arrivati al terzo aggiornamento di Duetredue. Entro oggi, che è il 34º giorno prima del voto, tutti i partiti e le coalizioni presenteranno i loro candidati nei collegi. La novità di questa settimana è l’aggiornamento delle mappe dei collegi uninominali con i nomi dei candidati dei quattro schieramenti principali.

Iniziamo coi candidati del Centrosinistra, perché il Partito Democratico ha già pubblicato le proprie liste (salvo rinunce e colpi di scena vari ed eventuali). Aggiungeremo gli altri quando saranno ufficiali. Nei collegi uninominali la qualità dei singoli candidati può, almeno in teoria, fare la differenza qualora siano conosciuti e apprezzati nel territorio e, ancora più importante, si dimostrino capaci di mettere in campo un’efficace campagna territoriale attivando volontari e reti di relazioni.

È vero che i candidati dovranno fare i conti con un ostacolo: il divieto—inedito e incoerente per l’Italia—di disgiungere il voto alla lista da quello all’individuo. È possibile che questo divieto freni degli elettori dal votare un candidato apprezzato nell’uninominale, se legato a un partito che non intendono sostenere. È anche più plausibile che il divieto di voto disgiunto induca molti elettori in errore causando l’annullamento di tante schede: secondo un recente sondaggio Eumetra commissionato dal Giornale, solo il 14% degli elettori afferma di conoscere i meccanismi della nuova legge elettorale, mentre il 77% ne è ignaro.

È anche vero, allo stesso tempo, che i collegi incerti sono 117 tra Camera e Senato: un numero tanto ampio da non permettere di sottovalutare il peso delle sfide individuali. Il Centrodestra continua a crescere, anche se più lentamente, e il Centrosinistra ad arretrare. Le proiezioni sul numero di seggi restano in sostanza immutate. Senza i seggi dell’estero, la coalizione di Silvio Berlusconi non raggiunge la maggioranza per 55 seggi alla Camera e 28 al Senato, ma è in vantaggio o competitiva in quasi tutti i collegi in bilico (73 su 78 alla Camera e 36 su 39 al Senato).

Le candidature del Centrosinistra promettono alcune competizioni interessanti. La corsa ai seggi sicuri tra Emilia-Romagna e Toscana ha tenuto fuori per scelta o per necessità diversi candidati di alto profilo che, pur disponendo del paracadute dato dalla contemporanea candidatura in uno o più collegi plurinominali, giocheranno le loro carte in collegi uninominali incerti. Alla Camera, il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è candidato nel collegio Lazio 1 – 01 Roma Trionfale, Marianna Madia nel Lazio 1 – 02 Roma Montesacro e Matteo Orfini nel Lazio 1 – 05 Roma Torre Angela, Marco Minniti corre nel collegio Marche – 06 Pesaro e Debora Serracchiani nel Friuli-Venezia Giulia – 01 Trieste. Tra gli alleati del PD, Bruno Tabacci è candidato nel Lombardia 1 – 12 Milano 1, che al momento è un seggio probabile per il Centrodestra. Per il Senato, Roberta Pinotti è candidata nel collegio Liguria – 02 Genova-Serra Riccò, Riccardo Illy nel collegio Friuli-Venezia Giulia – 01 Trieste, Emma Bonino nel Lazio – 01 Roma Gianicolense, Gianni Pittella nel Basilicata – 01 Potenza.

Card image cap
CAMERA DEI DEPUTATI

Le nostre proiezioni per i 232 collegi uninominali della Camera. Guarda i collegi sulla mappa interattiva.

Vai alla mappa



Card image cap
SENATO DELLA REPUBBLICA

Nella mappa interattiva le proiezioni nei 116 collegi uninominali per il Senato.

Vai alla mappa



GLI SCHIERAMENTI

L'andamento dei 4 schieramenti principali attraverso tutti i sondaggi pubblicati nell'ultimo anno.

Vai al grafico


Please check your e-mail for a link to activate your account.