Hashtag Boldrini

Il black out dei sondaggi del 16 febbraio ha congelato le proiezioni di Duetredue, consegnando la maggior parte dei collegi milanesi al Centrodestra. Seppur di pochi punti percentuali, il collegio Milano 3 della Camera non fa eccezione e vede il candidato della Lega Alessandro Morelli in vantaggio su Mattia Mor, per il Partito Democratico. La competizione elettorale sul territorio è resa ulteriormente più aspra dagli altri due contendenti: Manlio Di Stefano, uno dei volti noti del Movimento Cinque Stelle e, soprattutto, Laura Boldrini per Liberi e Uguali, che sta portando avanti una convincente campagna elettorale.

L’attuale Presidente della Camera, con la scadenza del mandato sempre più prossima, è una delle poche figure politiche ad aver dato vita a una campagna elettorale davvero concreta, tra comparsate televisive, comunicazione sui social network e il lancio di un nuovo soggetto che vedrà definitiva luce dopo il 4 marzo: Futura. Dopo 14 anni di incarico da portavoce dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati per il Sud Europa, nel 2013 Laura Boldrini è stata eletta come deputata nelle fila di Sel e, successivamente, terza donna Presidente della Camera. Il suo mandato è stato caratterizzato da forti battaglie istituzionali, dal bullismo, all’immigrazione, alle fake news, a tanti temi inerenti il ruolo della donna nel XXI secolo. L’impegno sociale e politico di Laura Boldrini ha polarizzato l’opinione pubblica, rendendola bersaglio di costanti attacchi e di campagne d’odio violente, di paragoni leghisti a bambole gonfiabili e istigazioni pentastellate allo stupro. D’altra parte molti sono stati i messaggi di solidarietà ricevuti dalla candidata di LeU, che l’hanno resa definitivamente una delle figure più in vista della scena politica italiana. In un recente scambio di opinioni con Matteo Salvini a Otto e Mezzo si è dimostrata estremamente pacata e competente, ma soprattutto ha dato sfoggio di cartelli con hashtag che fanno eco a quelli del leader del Carroccio: #risorsesalviniane.

 

Quanto peserà sul collegio Milano 3 della Camera la notorietà di Laura Boldrini?

 

Secondo le proiezioni elettorali di Duetredue aggiornate al 16 febbraio, il candidato più vicino alla vittoria, seppur con poco scarto, è Alessandro Morelli, attualmente consigliere comunale e capogruppo della Lega Nord, anzi Lega Salvini Premier. Tra le precedenti professioni del probabile deputato del Centrodestra si annovera l’incarico di giornalista professionista de La Padania e di Radiopadania Libera, oltre che una lunga sequela di ruoli politici territoriali. Nel marzo 2015 una simpatica rissa televisiva lo vede protagonista insieme a Fabrizio Rondolino, che dopo aver ascoltato le sue dichiarazioni lo apostrofa educatamente - “imbecille” - prima di abbandonare la trasmissione.

 

A pochi punti percentuali naviga Mattia Mor, candidato con il Partito Democratico. I suoi detrattori tendono a ricordarlo per la linea di magliette Blomor di inizio anni 2000, sulle quali spiccavano i nomi dei più famosi cocktail da bar, per la partecipazione a Uomini e Donne e al Grande Fratello. Un personaggio di spettacolo dunque, nato a Genova, trasferitosi a Milano dove ha letteralmente fatto fortuna, specie nell’ambito dell’e-commerce, con il noto Gruppo Alibaba, utilizzato in Asia e in tutto il mondo. Il 37enne è un fedelissimo di Matteo Renzi, ha da tempo scalato i vertici del PD lombardo e, lo scorso autunno, ha lanciato la campagna #HosceltoMilano, alla quale hanno aderito 130 volti noti. Alcuni di loro l’hanno successivamente accusato di averli sfruttati per il suo personale ritorno politico.

 

Al terzo posto, a più di quindici punti di distanza dai principali contendenti, prova a ricucire lo strappo milanese Manlio Di Stefano, per il Movimento Cinque Stelle. Attualmente deputato, il “putiniano” pentastellato si mormora ambisca alla Farnesina e al Ministero degli Esteri. Fedelissimo amico di Alessandro Di Battista, ha conosciuto “Dibba” durante le missioni umanitarie con Amka, l’ONG a cui spesso fanno pubblicità e ne è uno dei principali sostenitori. Di lui si ricordano non solo i viaggi all’estero per conoscere le realtà politiche sudamericane ed est-europee, ma anche la reticenza nel rispondere a domande concrete inerenti la politica estera: Putin? «Perché allora non ci occupiamo dell’Arabia Saudita»?

 

Quanto spazio c’è per gli hashtag di Laura Boldrini nella competizione tra Centrodestra e Centrosinistra?

Card image cap
CAMERA DEI DEPUTATI

Le nostre proiezioni per i 232 collegi uninominali della Camera. Guarda i collegi sulla mappa interattiva.

Vai alla mappa



Card image cap
SENATO DELLA REPUBBLICA

Nella mappa interattiva le proiezioni nei 116 collegi uninominali per il Senato.

Vai alla mappa



GLI SCHIERAMENTI

L'andamento dei 4 schieramenti principali attraverso tutti i sondaggi pubblicati nell'ultimo anno.

Vai al grafico


Please check your e-mail for a link to activate your account.